+39 0532 764777 dr.claudia.randi@gmail.com

Epilazione laser

Depilazione definitiva con laser e luce pulsata

Il laser DIODO, la luce pulsata, il laser Neodimio-Yag 1064nm ad impulso lungo vengono utilizzati con successo per la depilazione definitiva grazie alla loro selettività di azione. L’energia luminosa del laser, assorbita in modo selettivo dalla melanina contenuta nel bulbo pilifero, si trasforma in energia termica, provocando l’esplosione delle cellule del bulbo pilifero e la sua distruzione.

Fase del ciclo vitale del pelo

La sensibilità di ogni pelo al danno selettivo prodotto dalla radiazione laser varia a secondo della fase del ciclo vitale in cui esso si trova: anagen (crescita), catagen (regressione) e telogen (fase di riposo).
Per ottenere una depilazione definitiva ogni pelo dovrebbe essere preferenzialmente irradiato nella fase anagen. Poiché i peli di una determinata regione (volto, ascella, dorso e arti inferiori) non presentano una sincronia del loro ciclo vitale, sarà necessario ripetere più volte il trattamento ad intervalli di circa 4-8 settimane. A seguito di ciascuna seduta di trattamento sarà eliminato definitivamente il 15-20% circa dei peli della regione trattata.

Colore del pelo

La procedura è tanto più efficace quanto maggiore è la differenza fra la pigmentazione del pelo e quella della cute circostante: peli scuri (colorito bruno o nero) rispondono quindi meglio al trattamento rispetto a quelli chiari (biondi o bianchi) per i quali esso risulta poco efficace; così pure la carnagione chiara permette trattamenti con maggior erogazione di energia e quindi più efficaci.

Preparazione

  • I peli delle aree da trattare debbono sporgere non più di 2-3 mm dalla superficie cutanea: la rasatura, il taglio con forbici o l’utilizzo di creme depilatorie permettono una corretta preparazione.
  • I peli delle aree da trattare non devono essere strappati nelle 6-8 settimane precedenti la seduta.
  • Le zone da trattare non devono essere abbronzate.

Possibili complicazioni

  • Eritema (colorito rosa acceso della pelle): possibile conseguenza nel trattamento di zone estese; regredisce spontaneamente nel corso di alcune settimane. Può persistere più a lungo a causa dell’esposizione a temperature eccessivamente calde o fredde.
  • Discromie: minuscole iperpigmentazioni e/o ipopigmentazioni: l’utilizzo di creme a filtro solare rende minimo il rischio di tale evenienza.
  • Formazione di minuscole bollicine: la guarigione è spontanea nel corso di 3-5 giorni.

Epilazione laser Viso

È la rimozione dei peli corporei tramite l’atrofia dei bulbi piliferi indotta da un laser (Light un fascio di luce coerente, monocromatica e ad alta brillanza. Non esiste una epilazione definitiva, questo però è il metodo che ci si avvicina di più.

L’azione delle onde luminose prodotte dal laser dipendono dalla sorgente, dalla lunghezza d’onda emessa e dalla potenza del laser stesso. Permette una fototermolisi selettiva, cioè l’energia emessa dall’apparecchio provoca la coagulazione del follicolo pilifero e quindi la scomparsa a volte definitiva dei peli o comunque il rallentamento progressivo della loro crescita, senza danneggiare la cute circostante. Il laser colpisce la melanina contenuta nel bulbo dei peli che sono in fase pro-anagen o anagen (cioè di crescita attiva) ed è per questo che il trattamento andrà ripetuto in più fasi, non essendo efficace sui peli in fasi diverse del ciclo di crescita.

*Lo specialista, a seconda delle condizioni locali, potrà proporre trattamenti con apparecchiature diverse, come ad esempio la luce pulsata.

Indicazioni

  • Peli indesiderati
  • Peli “incarniti”
  • Follicoliti
  • Ipertricosi

Controindicazioni

  • Peli molto chiari/bianchi e sottili.
  • Pelli molto scure o abbronzate.

Sedi

Viso, ascelle, inguine, arti.

Tempi e modi del trattamento

Solitamente viene eseguito un test di prova su una piccola superficie corporea per verificare che i settaggi dei macchinari siano appropriati al paziente e non producano effetti indesiderati. La durata del trattamento varia a seconda delle aree da trattare e dal tipo di pelo, solitamente pochi minuti. Prima di iniziare, i peli verranno accorciati con le forbici ad una lunghezza di 2-3 mm. La Dr. Randi provvederà a definire i parametri di intensità/potenza dell’apparecchio a seconda del tipo di pelo e del fototipo del paziente. Ogni impulso laser può trattare molteplici radici e dura una frazione di secondo. Durante ogni seduta, il paziente dovrà utilizzare occhiali protettivi e l’area trattata sarà ricoperta di un gel trasparente rinfrescante. Al termine del trattamento, la zona trattata verrà valutata attentamente per verificare l’insorgenza o meno di reazioni avverse. A fine trattamento viene applicata sulle zone trattate una crema lenitiva. Il trattamento deve essere ripetuto ogni 6-8 settimane poiché solo i peli in fase attiva rispondono al laser. In genere per un risultato ottimale e definitivo sono necessarie circa 4-8 sedute. Tra un trattamento e l’altro la peluria diminuisce mediamente del 15-20%.

Cure a domicilio

  • Fotoprotezione totale.
  • Creme idratanti-lenitive, da applicare più volte al giorno.
  • Evitare esposizione al sole per 6 settimane prima e dopo il trattamento.
  • Evitare cerette, depilazione per 6 settimane prima e dopo un trattamento.

Effetti collaterali

  • Eritema, gonfiore: benigni, si risolvono nel giro di qualche ora.
  • Piccole crosticine: solitamente si staccano spontaneamente nel giro di qualche giorno senza lasciare cicatrici.
  • Ustioni: raro. Di solito di lieve entità che si risolvono nel giro di un paio di settimane senza lasciare esiti.
  • Discromie/aree di alterata pigmentazione: raro ma in caso si presentino possono essere di difficile gestione e diventare permanenti. E’ possibile comunque migliorarne l’esito definitivo tramite trattamenti sia domiciliari (cosmeceutici) che ambulatoriali (peeling).

Prenota la tua visita

8 + 13 =