+39 0532 764777 dr.claudia.randi@gmail.com

Biorivitalizzazione / Biorigenerazione cutanea con PRP

Biorivitalizzazione / Biorigenerazione cutanea con PRP

Per contrastare gli effetti dell’invecchiamento cutaneo, e restituire freschezza e compattezza alla pelle, si può sfruttare l’effetto rivitalizzante dell’acido ialuronico e di altre sostanze proattive come le vitamine e gli aminoacidi.

La biorivitalizzazione è un innovativo trattamento medico-estetico che mira a ripristinare e conservare la giovinezza della pelle, andando a ricostruire la struttura cutanea; grazie a questa metodica anti-aging la cute sarà più elastica, turgida e idratata. Il mix di acido ialuronico e altri principi attivi contrasta i radicali liberi e dona nuova tonicità al tessuto cutaneo.

Azione

  • idrata la pelle
  • contrasta l’effetto dei radicali liberi
  • ristruttura il tessuto cutaneo
  • dona compattezza ed elasticità alla cute
  • indolore
  • sedute di breve durata
  • recupero immediato

Composizione: acido ialuronico, vitamine e principi proattivi

Gli iniettivi impiegati per la biorivitalizzazione sono quelli più ricchi in acido ialuronico, vitamine e principi proattivi.

L’acido ialuronico è una sostanza naturalmente presente nelle pelle – quindi totalmente biocompatibile – e svolge un ruolo fondamentale nella sua idratazione. Favorisce inoltre la produzione di nuovo collagene e protegge le cellule dall’azione dei radicali liberi.

Per stimolare il metabolismo delle cellule della cute e ristrutturare l’epidermide invece si utilizzano sostanze quali:

  • mix di vitamine (A, B, C, D, E e K le più indicate)
  • aminoacidi
  • acidi nucleici
  • coenzimi
  • minerali

Indicazioni

In entrambi i sessi sia in una pelle ancora giovane e vitale, sia una pelle matura.

Biorivitalizzare la cute permette non solo di ridurre i segni del tempo riattivando il turnover cellulare, ma anche di rallentare i processi di invecchiamento nei tessuti ancora giovani.

Il trattamento si rivolge a chi desidera migliorare visibilmente l’idratazione cutanea, il tono e la luminosità della pelle, prevenendo inoltre i danni causati dal tempo e da fattori esterni quali l’esposizione al sole e l’inquinamento atmosferico.

Le aree di applicazione

Il trattamento di biorivitalizzazione interessa in particolare le zone maggiormente soggette a photoaging, cioè esposte costantemente all’azione dei raggi UVAe UVB, quali:

  • viso
  • fronte
  • collo
  • décolleté
  • dorso delle mani
  • braccia

Il trattamento di biorivitalizzazione

La biorivitalizzazione si esegue effettuando una serie di microiniezioni nel derma superficiale delle zone da trattare; residueranno dei piccoli ponfi che spariranno nell’arco di poche ore. E’ indolore e non richiede anestesie. Il recupero è immediato.

Si consiglia un ciclo di 3 sedute (una al mese) seguito da una seduta annuale di mantenimento ma vengono in genere costruiti dei protocolli personalizzati per rispondere alle precise richieste di ciascun paziente.

Il trattamento, effettuato in ambulatorio, consiste nell’iniettare acido ialuronico o vitamine, amminoacidi e acidi nucleici nel derma.

Per risultati anti-aging duraturi si richiede la ripetizione di sedute e l’abbinamento ad altri programmi antiaging come peelings e/o Laser Fraxel®. I migliori risultati della biostimolazione si hanno dopo 3/4 sedute e con ripetizione un paio di volte l’anno.

Risultati

Andando a nutrire in profondità il derma, si otterrà una generale distensione della pelle, che risulterà più elastica, compatta e visibilmente ringiovanita.

Possibili trattamenti correlati

Il trattamento di biorivitalizzazione, grazie alle sue caratteristiche di idratazione profonda e non invasività, è inseribile in protocolli ad ampio spettro finalizzati al ringiovanimento cutaneo. In particolare, è associabile ad altre metodiche quali:

  • filler di acido ialuronico
  • filler di idrossiapatite di calcio
  • peeling
  • lifting non chirurgico
  • iniezioni di botulino
  • Laser Fraxel®

Prenota la tua visita

5 + 14 =